Vai al contenuto

Biografia

Home

Cominciamo la sezione biografica dedicata al poeta e scrittore Roberto Luciano Tàpparo riportando una sua nota alla sillege del 2014 L’altrove della poesia a cura di Anna De Simone, Leone & Griffa Editore.

Notizia[1]

Sono nato a Salassa, nel Canavese il 3 settembre 1933, in un momento storico denso di avvenimenti drammatici, che mi fece vedere troppo presto le cose del mondo sotto una luce per niente favorevole: la mia famiglia si dissolse in poco tempo e questo dramma ne aperse un altro: il mio “internamento” in istituti di carità, una carità obbligata e miserabile, perché io non ho mai ricevuto alcun aiuto da parte dei miei genitori. Ho camminato zoppicando per anni dietro sogni, illusioni, fantasticherie, ma senza venire a capo di nulla.

Soltanto gli studi e la scuola mi attraevano, quasi fossero un risarcimento per la mia condizione di collegiale indigente. Il diploma magistrale, conseguito da privatista a prezzo di una volontà di ferro, mi aprì la strada della Pubblica Amministrazione con una ricaduta positiva per la mia vita.

Affrontai anche l’Università grazie all’ aiuto di persone che dalle valli monregalesi (mia seconda patria), mi sostennero economicamente alla Cattolica di Milano, dove peraltro non corrisposi alle aspettative dei miei ”benefattori”, perché mi lasciai attrarre dalla vita di strada, che ho sempre amato per via di esperienze che sentivo necessarie per la mia formazione poetica.

La strada, infatti, è stata per me fonte di amicizie importanti nella zona di Milano che frequentavo di più, quella di Brera, dove ho conosciuto artisti, fotografi di vaglia e studenti della Accademia di Belle Arti.

Al centro della mia formazione e della mia vita si colloca pero la poesia; per coltivarla ho rinunciato a una carriera remunerativa, preferendo lavorare nella scuola elementare, che mi è stata compagna fino alla pensione.

Tra gli incontri della mia vita, ricordo con maggior nostalgia quello, tuttora vivissimo in me, con Albert Camus a Torino.

Decisivo fu poi un altro incontro: quello avvenuto a Domodossola con Gianfranco Contini che fece pubblicare alcune mie poesie presso l’editore Scheiwiller (Milano 1991).

Questo libro è una rassegna antologica di testi, in parte pubblicati tra il 1991 e il 2014, sotto altra forma. Rappresentano la sintesi di tutta la mia produzione in versi.

Roberto Luciano Tàpparo”


[1] L’ALTROVE DELLA POESIA – Leone & Griffa Editore, BIELLA, ottobre 2014